I consigli di Massimo – Le pesche della nonna

Quando mi scrivete queste storie non posso fare a meno di immaginare… Federica vent’anni fa era una bambina di neanche dieci anni. Venne per la prima volta all’Osteria dei Pescatori con mamma, papà e amici di famiglia. Ricorda che per convincerla a finire la propria pietanza, le era stato proposto di portare a casa due tartarughine che stavano di casa sulla finestra del ristorante. Ricorda anche le pesche della nonna, il dolce che allora era ricetta segreta di mamma Teresa.
Cara Federica e cari amici, vi svelo con molto piacere la ricetta di questi dolcetti piacentini, sperando di farvi venire l’acquolina in bocca…

Ingredienti per 15 pesche 

400 gr di farina

2 uova

140 gr di zucchero

60 gr di burro

un pizzico di sale

1 bustina di lievito

1 bustina di vanillina

4/5 cucchiai di latte

nutella

alchermes

Esecuzione: Lavorate le uova con zucchero e vanillina fino a ottenere un composto spumoso, unire la farina setacciata, il burro (non freddo da frigorifero), il lievito e un pizzico di sale.
Amalgamate il composto fino a ottenere un impasto morbido,  aggiungete un cucchiaio di latte se risultasse troppo duro.
Infarinandosi le mani fare delle palline della grandezza di una noce (circa 20 grammi) e adagiatele su carta da forno distanti qualche cm l’una dall’altra. Infornate a forno già caldo a 160°  x 20 minuti circa facendo attenzione a non farle scurire.
Le semisfere ottenute si lasciano raffreddare, dopo si scavano delicatamente, si riempiono di nutella o crema pasticciera al cacao, si uniscono, si passano velocemente nell’alchermes e si tuffano in una ciotolina di zucchero semolato. Tenetele in frigorifero almeno un’ora prima di servirle.

No Comments Yet.

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.